Articoli della categoria ‘Senza categoria’

Foglio della settimana

scritto da Don Gualberto il 13-Mar-2021

Clicca sul titolo o sul link qui sotto per visualizzarlo

CuoreSolo674

In questo foglio trovi le notizie della settimana corrente.

Tieniti in contatto (anzi in comunione) con la parrocchia!

Per gli arretrati vai qui

 

Rendiconto parrocchiale 2020

scritto da Don Gualberto il 30-Mar-2020

Ecco il bilancio dei conti parrocchiali per l’anno 2020:

Contabilità_2.0_2020

Per suggerimenti, chiarimenti, critiche e proposte c’è a disposizione qui sotto, in fondo alla pagina, lo spazio per i vostri commenti. Oppure usate la email della parrocchia, cioè [email protected]

Benedizione delle famiglie

scritto da Don Gualberto il 01-Feb-2020

***LA BENEDIZIONE DELLE FAMIGLIE VIENE SOSPESA DA OGGI 11 MARZO FINO A DATA DA DESTINARSI***

In questo link qui sotto trovare il calendario delle benedizioni in PDF:

Incontro2020

EVVIVA SAN MICHELE!

scritto da Don Gualberto il 22-Mar-2019

Per il giorno della festa 8 maggio l’Amministrazione comunale ha preparato, in accordo con la Parrocchia e il Comitato san Michele, alcuni eventi che ci aiuteranno a vivere comunque in un clima festoso e comunitario il ricordo e la preghiera per san Michele.

24 dicembre

scritto da Don Gualberto il 24-Dic-2018

Staserà nascerà Gesù. Maria è pronta, Giuseppe le è vicino; gli animaletti del presepio sono già sistemati ma ne vorrei aggiungere ancora uno, uno impossibile, uno pericolosamente fuori posto. Perché? Perché c’è sempre nella vita qualche imprevisto (come la grotta di Betlemme) ma non è detto che sia per il male, anzi a volte è proprio quella cosa che non ci si aspetta che rende più bella una occasione. Non ci indovinerete mai.

TI RICORDO DI PRENDERE CARTA E PENNA E DI PRENDERE NOTA DEL CODICE DI OGGI CHE TROVERAI SU QUESTO SITO ALLA PAGINA DEDICATA AI SACRAMENTI

Visualizza immagine di origine

Vorrei mettere nel presepio un T-Rex; è il simbolo della violenza e della forza, dei dominatori che opprimono, è il simbolo di Erode, che guarda con sospetto alla capanna dall’alto della sua reggia e vuole far scomparire il bambino Gesù divorandolo con le sue armi. Il Presepio non è un quadretto ideale ma è la realtà nella quale è nato il Figlio di Dio.

Nell’Apocalisse si narra una visione nella quale un drago rosso, che è il diavolo, si mise davanti a alla donna che stava per partorire in modo da divorare il figlio appena nato, ma il Figlio fu subito rapito verso il cielo e il drago rimase a bocca asciutta.

Voglio mettere un T-Rex per ricordarmi che l’Amore vince l’odio, e che anche un dinosauro deve inchinarsi ai piedi di colui che lo ha creato; voglio ricordarmi che oggi posso inchinarmi davanti a Gesù bambino e mettere la mia forza, la mia intelligenza e il mio tempo al suo servizio, per il bene di chi mi sta accanto.

Non dimenticare di risolvere anche l’indovinello di oggi e di inviare la soluzione, insieme al codice e al tuo nome, tramite lo spazio messaggi che trovi infondo alla pagina.

Ci vediamo stasera o domani alla s. Messa, per augurarci BUON NATALE. Non mancare. Ora ascolta questo canto

Adesso è la pienezza – Canzone con testo – By [email protected] – YouTube

Ciao. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

INDOVINELLO DEL 24 DICEMBRE

LA REGINA
Governa due regni su tre
e tutti combattono per lei
da miliardi di anni.

23 dicembre

scritto da Don Gualberto il 23-Dic-2018

Ciao. Domani sera sarà Natale. Ci siamo quasi ormai. Ma gli ultimi giorni sono quelli più difficili: ora c’è da coprire tutto intorno al presepio per non far vedere i fili, le tavole, i tubi, le lampadine e tutto il resto. E’ un lavoro pulito, ma richiede tempo e attenzione perché la decorazione delle stoffe sia ordinata e precisa.

C’è ancora un animaletto che vorrei vedere nel mio presepio, anche se in giro oggi non ne vedono più.

TI RICORDO DI PRENDERE CARTA E PENNA E DI PRENDERE NOTA DEL CODICE DI OGGI CHE TROVERAI SU QUESTO SITO ALLA PAGINA DEDICATA ALLE CONFRATERNITE

Visualizza immagine di origine

In realtà questi poveri animaletti li vediamo di solito spennati e spezzettati nel banco frigo dei supermercati: le povere galline, dette polli. Le galline non sono belle da vedere quando razzolano in campagna, ma intanto producono uova buone da mangiare e poi …

…c’è un motivo per cui le voglio nel presepio: una volta Gesù, guardando dall’alto Gerusalemme, si sentì molto triste e pianse perché sentiva nel suo cuore che quella città così bella, la sua città santa, sarebbe stata distrutta dai Romani. E per dire quanto le voleva bene disse: “Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come una gallina tiene i pulcini sotto le ali”. La gallinella ci ricorda quanto Dio ci vuole bene, che ha un cuore di mamma, che ci vuole proteggere dal male e insegnarci a vivere bene.

Ti ricordo che domani è l’ultimo giorno e che è possibile confessarsi, nella chiesa di s. Amanzio (ma se vuoi puoi andare dai frati a s. Antonio). Mi troverai a lavorare al presepio. Ti aspetto.

Ora, come ogni giorno, seguite il prossimo link del sito che è quello di un canto.

13 E’ Natale – OST Musical Forza Venite Gente – YouTube

Ci rivediamo domani e non dimenticare di risolvere anche l’indovinello di oggi e di inviare la soluzione, insieme al codice e al tuo nome, tramite lo spazio messaggi che trovi infondo alla pagina.

Ciao. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

INDOVINELLO DEL 23 DICEMBRE

IL CORRIERE
(il titolo non fa parte dell’indovinello)
Un D che non c’è non c’è non c’è c’è,
poi il sette, più il 6 e il 5 e il quattro e il tre:
il suo arrivo è una festa: perché?

22 dicembre

scritto da Don Gualberto il 22-Dic-2018

Ciao. Siamo già al 22 dicembre, settimo giorno della Novena. Il presepio di s. Amanzio è a buon punto; ho acceso la stella cometa per vedere se funziona ed è tutto a posto; anche le stelle si accendono e brillano. Invece è uscita ancora un po’ d’acqua dal ruscello e ha bagnato tutto il muschio lasciando sul pavimento una pozza fangosa. Questo mi ha portato alla mente un altro animale che ho quasi sempre trovato nei presepi che ho visto, un animale fangoso…

TI RICORDO DI PRENDERE CARTA E PENNA E DI PRENDERE NOTA DEL CODICE DI OGGI CHE TROVERAI SU QUESTO SITO ALLA PAGINA DEDICATA ALLA CARITAS PARROCCHIALE

Visualizza immagine di origine

Sì avete indovinato: il maialino. Non quello nel piatto, buono da mangiare, ma proprio quello vivo e vegeto che grugnisce e grufola nel terreno, perennemente sporco e affamato. Il maialino ci ricorda quello che possiamo diventare se non curiamo e puliamo il nostro spirito: sempre a divorare tempo e cibo, sempre con pensieri egoistici e negativi.

Nel Vangelo una volta Gesù utilizzò duemila maiali per liberare da altrettanti diavoli un pover’uomo che veniva da loro torturato; i poveri maiali furono spinti dai diavoli a suicidarsi nel mare. Poverini! Per questo ci sarà un maialino nel mio presepio, perché si prenda i miei diavoli e se li mangi; poi toccherà a me tenere pulito il cuore, con la preghiera e la confessione.

A proposito ci hai pensato a confessarti? Non dimenticarlo. Per esempio il 24 mattina a s. Amanzio.

Ora, come ogni giorno, seguite il prossimo link del sito che è quello di un canto.

Svegliati o Sion – YouTube

Ci rivediamo domani e non dimenticare di risolvere anche l’indovinello di oggi e di inviare la soluzione, insieme al codice e al tuo nome, tramite lo spazio messaggi che trovi infondo alla pagina.

Ciao. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

INDOVINELLO DEL 22 DICEMBRE

L’APPUNTAMENTO
(il titolo non fa parte dell’indovinello)
Per il brutto arriva sempre troppo tardi,
per il bello arriva sempre troppo presto.

21 dicembre

scritto da Don Gualberto il 21-Dic-2018

Ciao. Mancano poco più di tre giorni alla nascita di Gesù e il mio cielo nel presepio è desolatamente privo di stelle, ma mi sto organizzando; finalmente l’acqua scorre senza perdite e ho potuto sistemare tutto il muschio ma mancano anche le casette; la capanna per il momento è l’unica (enorme) costruzione presente; questo mi fa venire in mente un altro animaletto che vorrei vedere presente nel presepio.

HAI CARTA E PENNA PER PRENDERE NOTA DEL CODICE DI OGGI CHE TROVERAI SU QUESTA STESSA PAGINA?

Visualizza immagine di origine

Mi ricordo che mia mamma aveva una gatta alla quale era molto affezionata che si chiamava Virgola: era il suo termosifone di inverno quando la mamma si sedeva in poltrona davanti alla televisione e Virgola si sistemava sulle sue ginocchia. Ma Virgola aveva anche un altro posto preferito: non appena la mia mamma costruiva un piccolo presepio sotto il mobile del televisore, Virgola andava a dormire raggomitolandosi proprio dentro la capanna. Metterò Virgola nel presepio per imparare da lei che il nostro posto è con Gesù, perché Lui vuole abitare con noi, venire dentro la nostra capanna (che è il nostro cuore, la nostra vita) e renderla calda e luminosa.

Oggi vogliamo lasciare a tavola un posto apparecchiato per Gesù, facendo una preghiera per tutti i poveri del mondo, che non hanno una casa dove ripararsi.

Ora, come ogni giorno, seguite il prossimo link del sito che è quello di un canto.

MARANATHA VIENI SIGNOR – RNS – con testo e accordi – da “LA MIA VOCE SALE A DIO” – YouTube

Ci rivediamo domani e non dimenticare di risolvere anche l’indovinello di oggi e di inviare la soluzione, insieme al codice e al tuo nome, tramite lo spazio messaggi che trovi infondo alla pagina.

Ciao. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

INDOVINELLO DEL 21 DICEMBRE

LA LEADER
Quando lei c’è ci siamo anche noi.
Se uno la perde scompare.

20 dicembre

scritto da Don Gualberto il 19-Dic-2018

Ciao. Finalmente è domenica. Non dimenticate la s. Messa perché la Novena senza la Messa non vale. Mi sono alzato presto oggi perché prima di iniziare le ss. Messe volevo andare avanti con il presepio. Volevo sistemare il cielo, cioè il lenzuolo che illuminato dalla lampada azzurra coprirà il presepio dalla luce esterna dando l’impressione della notte. Intanto però penso ad altri personaggi da sistemare: quale sarà il prossimo?

PRENDI CARTA E PENNA PER PRENDERE NOTA DEL CODICE DI OGGI CHE TROVERAI SU QUESTO SITO ALLA PAGINA CHE PARLA DELLA STORIA DI VITORCHIANO

Visualizza immagine di origine

Vorrei mettere nel presepio un cagnolino: l’estate scorsa una notte con le finestre spalancate per il caldo non riuscivo a prendere sonno perché da qualche parte un cagnolino abbaiava e guaiva senza smettere mai. Si capiva che era un cucciolo e che il padrone voleva che si abituasse a dormire da solo, ma quel pianto faceva venir voglia di andare giù a liberarlo o consolarlo. Il cane si dice sia il migliore amico dell’uomo ma non sempre l’uomo è il migliore amico del cane e (ancora meno) amico degli altri uomini.

Dal cane impariamo l’amicizia fedele e la compassione (Gesù in una sua parabola racconta dei cani che, nei confronti di un poveretto, avevano più compassione di una persona egoista). Oggi, come amici veri e fedeli, mandiamo un messaggio simpatico ai nostri amici (umani) ricordando loro di partecipare alla Novena e alla s. Messa.

Ora, come ogni giorno, seguite il prossimo link del sito che è quello di un canto.

ALZATI E RISPLENDI (testo) – YouTube

Ci rivediamo domani (a e non dimenticare di risolvere anche l’indovinello di oggi e di inviare la soluzione, insieme al codice e al tuo nome, tramite lo spazio messaggi che trovi infondo alla pagina.

Ciao. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

INDOVINELLO DEL 20 DICEMBRE

AL CIMITERO
(il titolo non fa parte dell’indovinello)
Di croce in croce di solito va
ma se gli manca di qua o di là
diventa cieco
e non sa più cosa far.

19 dicembre

scritto da Don Gualberto il 19-Dic-2018

Ciao. Eccoci al 19 dicembre. Ho ancora cinque giorni per finire il presepio di s. Amanzio e non ho ancora riparato il fiumicello che dal fondo del presepio scorrerà attraverso il tavolo; c’è ancora una piccola perdita d’acqua e se non riesco a sistemarla dovrò rinunciare all’acqua che scorre. L’acqua però mi fa venire in mente che quasi sempre nei presepi c’è un laghetto fatto di carta alluminio con delle piccole oche sopra.

HAI GIA’ PRESO CARTA E PENNA PER PRENDERE NOTA DEL CODICE DI OGGI? LO TROVERAI SU QUESTO SITO ALLA PAGINA DEDICATA ALLA FAMIGLIA MARIANA CINQUE PIETRE

Visualizza immagine di origine

Tutti abbiamo visto in qualche documentario la simpatia dei pulcini (di oca o di anatra) che per la prima volta si avventurano sull’acqua guidati dalla mamma; sulla terraferma si muovono impacciati e inciampano spesso ma nell’acqua sono a loro agio e agitano le codine con allegria mentre zampettano nell’acqua. L’uomo invece è un animale terrestre, vive meglio su un terreno solido: possiamo anche amare l’acqua del mare vicina alla spiaggia d’estate, possiamo costruire navi e barche per navigare, ma non siamo mai al sicuro. Così una notte di tempesta Pietro e i suoi amici videro Gesù camminare sul mare mentre la loro barca stava affondando, e chiese a Gesù di poterlo fare anche lui e lo fece… finché tenne lo sguardo fisso sul Signore.

Dalle ochette impariamo che per sentirci sicuri anche nelle situazioni più difficili dobbiamo riscoprire che non siamo solo terrestri ma anche celesti e che la fede ci permette di camminare anche in mezzo alle difficoltà. Oggi facciamo una preghiera per tutti quelli che stanno vivendo momenti di preoccupazione, di tristezza o di dolore.

Ora, come ogni giorno, seguite il prossimo link del sito che è quello di un canto.

ave maria – verbum panis – balducci_casucci.wmv – YouTube

Ci rivediamo domani e anche se non riesci a trovare la soluzione dell’indovinello, rispondi ugualmente tramite lo spazio messaggi che trovi infondo alla pagina, perché partecipare alla Novena è più importante dell’indovinello.

Ciao. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

INDOVINELLO DEL 19 DICEMBRE

IN RITARDO ALLA FERMATA
(il titolo non fa parte dell’indovinello)
Ecco, è già passato! Che cos’era?